20,7 gradi in Antartide, una disperata richiesta di aiuto lanciata dal pianeta

Il surreale picco di temperatura è solo l’ultimo dei molti indici di allarme che ci sono giunti dai ghiacci negli ultimi anni. Ecco perché non possiamo ignorarli

In Antartide non aveva mai fatto così caldo. Nelle scorse ore si sono registrati infatti 20,7 gradi centigradi, un valore che stupisce non solo perché molto alto, ma anche perché arriva solo una settimana dopo l’altra temperatura record di 18,3 gradi centigradi registrata nel continente. Segno che non può trattarsi di un caso, quanto di un trend ben definito.

Mentre le temperature schizzavano verso l’alto, un iceberg di 300 chilometri quadrati, più o meno le dimensioni dell’isola di Malta, si staccava dal ghiacciaio Pine Island. “Quello che è davvero preoccupante è che il flusso quotidiano di dati rivela la drammatica velocità con cui il clima sta cambiando il volto dell’Antartide” ha sottolineato Mark Drinkwateresperto di criosfera dell’Agenzia spaziale europea. Un’altra ricerca uscita in questi giorni ha evidenziato che a causa dell’innalzamento delle temperatura, le colonie di pinguini pigoscelidi antartici hanno subito un crollo fino al 77% rispetto a 50 anni fa.

Ma che in queste settimane ci sia qualcosa di climaticamente strano, lo capiamo anche da casa nostra, senza dover andare in capo al mondo. L’inverno che stiamo vivendo nel Mediterraneo è il più caldo da decenni, con temperatura che sono in media superiori di tre gradi rispetto a quelli che dovrebbero essere i valori del periodo. In Piemonte a inizio mese la colonnina di mercurio ha fatto segnare addirittura 27 gradi, trasformando quella che doveva essere una gelida giornata di inizio febbraio in un soleggiato pomeriggio di giugno.

I campanelli di allarme sull’emergenza cliamatica ormai si sprecano e giorno dopo giorno bisogna aggiornare il file degli eventi estremi. Eppure, per quanto la coscienza ambientale sia cresciuta notevolmente negli ultimi anni, tra il boom dei partiti verdi, i discorsi in Europa e oltreoceano sul Green new deal e l’affermazione dei movimenti giovanili dei Fridays for Future, la tragedia climatica in corso continua ad avere un ruolo marginale nel dibattito politico e pubblico. Il problema è sempre lo stesso: nella maggior parte dei casi l’emergenza non riguarda direttamente il presente, ma il futuro. E per questo si tende a sottostimare il problema e a rinviare la messa in pratica di politiche e azioni sì costose, ma necessarie.

Eppure la lotta al climate change non è un mero discorso ideologico, perché i cambiamenti in corso si faranno sentire sulle nostre vite, rovinandole. La Coldiretti ha denunciato lo stato di emergenza in cui sta piombando l’agricoltura italiana, tra la forte siccità in corso e gli sbalzi anomali di temperatura che stanno distruggendo molti raccolti. Non si potrà andare avanti così ancora a lungo, uno dei fiori all’occhiello dell’economia italiana, l’agricoltura appunto, sta finendo la benzina. Ma al di là di questo, la storia ci insegna che durante il periodo detto ultimo interglaciale, un aumento di temperatura degli oceani inferiori ai due gradi portò allo scioglimento massivo della calotta glaciale antartica e a un conseguente innalzamento dei mari di tre metri.

Oggi stiamo vivendo le prime avvisaglie di questi fenomeni e le conseguenze per i territori costieri sarebbero tragiche, con interi territori e città che scomparirebbero sott’acqua. Flood Maps è un progetto che combina i dati della Nasa con la cartografia di Google Maps e mostra l’impatto di un innalzamento dei mari di 3 metri sul tessuto urbano globale. Città come VeneziaRavenna e Pisa scomparirebbero sott’acqua.

Ma il cambiamento climatico ha un effetto violento anche a livello sociale. Esso impatta maggiormente laddove le disuguaglianze sociali sono più persistenti, ampliandole. Come ha sottolineato il World Social Report 2020, il rapporto tra i redditi del 10% più ricco e del 10% più povero è più alto del 25% rispetto a quanto sarebbe in un mondo senza il riscaldamento globale. E poi c’è il tema connesso alla sicurezza: Nature ha evidenziato un aumento dei conflitti armati fino al 26% se la temperatura globale continuerà a salire. E d’altronde anche alla guerra in Siria, con tutta la striscia di devastazioni che si porta dietro, hanno contribuito questioni climatiche, in particolare la violenta siccità del 2007-2010.

Quello che ci aspetta è insomma uno scenario apocalittico, fatto di città che scompaiono, povertà dilagante, economie che collassano e guerre. Eppure il dibattito mainstream continua nel migliore dei casi a dedicare poco spazio al tema climatico, nel peggiore a lanciarsi in teorie negazioniste che non fanno altro che peggiorare una situazione già critica. I ghiacciai che si sciolgono, le ondate di caldo anomale, gli animali che si estinguono, sono continui gridi di allarme del pianeta che non possono più essere ignorati.

Fonte: Wired.it

Ecco come trasformare l’anidride carbonica in carbonio solido, la base per le batterie del futuro

Una nuova tecnologia australiana permette di condensare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per creare una sostanza solida, simile a carbone, che potrebbe rappresentare l’elemento di partenza per una nuova generazione di batterie elettriche.

Stiamo perdendo la battaglia contro il riscaldamento globale. Accordi disattesi, politici scettici se non apertamente ostilirinnovabili che stentano a decollare. Le ragioni sono molte, ma è il risultato che conta: riuscire a contenere l’aumento delle temperature entro il grado e mezzo entro il 2100 sembra sempre più una pia illusione. La scadenza per agire si fa sempre più stretta, e molti esperti iniziano quindi a immaginare strategie alternative: se non riusciamo a ridurre le emissioni di gas serra, forse l’unica alternativa è eliminare artificialmente quello presente nell’atmosfera.

Si chiama ingegneria climatica, e l’ultima novità in questo campo arriva dall’Rmit University di Melbourne: una nuova tecnologia in grado si sequestrare l’anidride carbonica presente nell’aria e ri-trasformarla in carbone (o più precisamente in carbonio, il suo ingrediente principale). Una strategia che permetterebbe, letteralmente, di riciclare l’anidride carbonica, appena descritta dai suoi inventori sulle pagine di Nature Communication.

Per chi si interessa di ingegneria climatica, l’idea di sequestrare la CO2dall’atmosfera, per stoccarla, o riutilizzarla, non è certo una novità. In effetti esistono già delle tecniche che permettono di farlo, ma solitamente quello che producono è anidride carbonica allo stato liquido. Un materiale difficile da conservare e trasportare, che a sua volta andrebbe smaltito in qualche modo. Per esempio, iniettandola nel suolo come avviene ad Helsinki, per lasciare che i processi chimici e geologici facciano il proprio lavoro, trasformandola col tempo un un minerale solido.

La tecnologia messa a punto in Australia però fa molto di più: promette infatti di ottenere carbonio solido direttamente dall’atmosfera, in tempi molto più rapidi e senza necessità di temperature estreme (a Helsinki si sfrutta la presenza di un vulcano) che normalmente rendono difficile l’applicazione di tecnologie simili su scala industriale. Il segreto, in questo caso, è un metallo liquido: una lega di gallio che agisce come un catalizzatore, ed è in grado di condensare l’anidride carbonica dell’atmosfera in un solido a base di carbonio.

Il processo è piuttosto semplice: il catalizzatore metallico viene versato in una soluzione contente degli elettroliti liquidi (sostanze che conducono l’elettricità), si aggiunge l’anidride carbonica, che si dissolve nel liquido, e viene applicata una debole corrente elettrica. Le proprietà chimiche e fisiche del metallo entrano quindi in azione, convertendo l’anidride carbonica in fiocchi di carbonio solido che precipita sul fondo del contenitore.

A quel punto, non resta che decidere cosa farne. Una possibilità sarebbe quella di seppellire il materiale ottenuto da qualche parte e poi dimenticarsene, un po’ come avviene con le scorie radioattive. Ma i ricercatori propongono anche un’applicazione ben più interessante. Il materiale solido che si ottiene dal processo è infatti in grado di immagazzinare ottimamente l’elettricità. Un autentico super-condensatore, che a detta dei suoi creatori potrebbe rappresentare la base di partenza perfetta per realizzare una nuova generazione di batterie elettriche, leggerissime ed estremamente potenti. Siamo lontanissimi da una reale applicazione pratica – ovviamente – ma se ulteriori studi e ricerche rendessero veramente efficiente questa tecnologia si tratterebbe di una incredibile forma di riciclo: potremmo infatti prendere gli scarichi delle auto a benzina, e trasformarli in batterie per le auto elettriche del futuro.

 

Fonte: Wired